Archivi tag: luce

La notte della raggiante oscurità

di Nicoletta Mainardi

Venturino Venturi, Presepe v.v.ATTENZIONE
Leggi “I Magi” e “I pastori” nei Testi!

Due poesie di Luzi, I Magi e I pastori, celebrano l’evento della Natività ispirandosi ai due noti episodi evangelici in cui si narra della venuta dei Magi dall’Oriente a Gerusalemme per adorare il Bambino e della rivelazione ai pastori nella notte Santa. La sequenza affianca come in un dittico la pagina diurna e terrestre del viaggio dei Magi al notturno mistico dei pastori, ed è incastonata nella sezione metafisica dal titolo Genia della raccolta Frasi e incisi di un canto salutare (1990).

Continua la lettura di La notte della raggiante oscurità

Luzi, Venturino e la “Commedia”

di Nicoletta Mainardi

La luce in che rideva il mio tesoro
ch’io trovai lì, si fe’ prima corusca,
quale a raggio di sole specchio d’oro;
Paradiso, XVII, 121-123

È noto come l’esempio di Dante e della Commedia abbia costituito un termine di riferimento costante e imprescindibile per il nuovo corso della poesia luziana del dopoguerra, sempre più responsabilmente implicata nella magmaticità dell’esistenza individuale e cosmica (vedi qui il post Luzi e Dante). La lezione di Dante riflette in Luzi un’immagine della poesia conforme alla sua ispirazione testimoniale e profetica: un’immagine “salutare”, desiderante e dinamica, che dall’hic et nunc della nostra transitoria e contraddittoria condizione umana risale al principio unitario e perenne della vita. Dante diventa progressivamente per Luzi un eterno contemporaneo con il quale confrontarsi nell’esercizio di una poesia che si vuole “pari alla vita”.

Continua la lettura di Luzi, Venturino e la “Commedia”

Invocazione

di Elisabetta Biondi della Sdriscia
ATTENZIONE

Leggi “Vola alta, parola, cresci in profondità” nei Testi!

Vola alta, parola, cresci in profondità costituisce, senza dubbio, il momento culminante della raccolta luziana Per il battesimo dei nostri frammenti, pubblicata nel 1985: una raccolta importante, punto di riferimento ineludibile per tutta la poesia successiva, nella quale si conferma la direzione evolutiva tracciata da Nel magma, con cui Luzi, nel 1963, aveva inaugurato il nuovo corso della sua produzione poetica. Il titolo della raccolta allude alla frammentarietà dell’esistenza e al moltiplicarsi dell’esperienza poetica nei frammenti che tale esistenza compongono, nonché alla necessità di un battesimo, di una purificazione, che renda possibile il recupero della totalità, della visione d’insieme.

Continua la lettura di Invocazione

Luzi come Simone Martini

di Nicoletta Mainardi

In una prosa raccolta in Trame (1982), Ritorno a Siena, Mario Luzi rievoca la sua adolescenza senese e il primo decisivo incontro con i capolavori dell’arte senese del Trecento. Fra questi l’ammiratissimo affresco di Guidoriccio da Fogliano realizzato da Simone Martini (Siena, 1284 circa – Avignone, 1344) nel Palazzo di Città, davanti al quale aveva tanto fantasticato. A Siena come a un paesaggio dell’arte che condensa in sé il mistero della creazione artistica Luzi è poi sempre tornato, dedicando alla città del Palio alcune fra le sue poesie più suggestive, fino a immedesimarsi nella figura del grande artista gotico caro alla sua giovinezza.

Continua la lettura di Luzi come Simone Martini