L’universa compresenza

di Marco Marchi

Maestà di Simone Martini (particolare)ATTENZIONE
Leggi le poesie “Un attimo” e “Rimani dove sei, ti prego” in Testi!

Al seguito del pittore medievale Simone Martini, che si immagina di ritorno da Avignone alla natia Siena per l’ultimo viaggio (vedi l’articolo Luzi come Simone Martini), in Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini, libro del 1994, la poesia di Mario Luzi compie un nuovo percorso iniziatico, purgatoriale, che punta direttamente al «cuore dell’enigma».

Continua la lettura di L’universa compresenza

Poesia e terrorismo. Per Aldo Moro

Mario Luzidi Giacomo Trinci 

ATTENZIONE
Leggi “Acciambellato in quella sconcia stiva” in Testi!

Acciambellato in quella sconcia stiva è una poesia compresa nella raccolta Per il battesimo dei nostri frammenti, uscita nel 1985. Il mistero della realtà storica, col suo nocciolo di duro reale, si era aperta in modo vivido nelle raccolte degli anni sessanta e settanta e aveva creato quella meravigliosa stagione della maturità poetica di Mario Luzi in cui si assiste al presentarsi di un’acutizzata sensibilità verso il dramma collettivo dell’essere al mondo e al conseguente configurarsi di quell’incontro folgorante, infuocato, tra verticalità del processo mentale e orizzontalità del nuovo paesaggio umano e naturale, che veniva, adesso, in primo piano.

Continua la lettura di Poesia e terrorismo. Per Aldo Moro

Il ragazzo di Recanati. Luzi e Leopardi

leopardi-1di Nicoletta Mainardi

Ci voleva un poeta di prima grandezza come Mario Luzi per restituire a Giacomo Leopardi dal fondo del suo radicale pessimismo, storico ed esistenziale, un ritratto intimo commosso e partecipe che è quasi un autoritratto. Accanto al poeta scelto come esempio impareggiabile di stile e al filosofo di sconcertante lucidità intellettuale che s’interroga a nome di tutti sulla natura umana e sulle ragioni dell’infelicità, Luzi ritrova intatto nell’autore di A Silvia il cuore antico e perenne del “ragazzo di Recanati” innamorato del pensiero della vita al suo primo gioioso rivelarsi e al suo altrettanto precoce, profetico negarsi.

Continua la lettura di Il ragazzo di Recanati. Luzi e Leopardi

Un’altra festa della poesia. La premiazione, i risultati e i testi vincitori

di Marco Marchi

VEDI L’ARTICOLO DE “LA NAZIONE”!

Si è tenuta la mattina del 28 febbraio 2019 (la data anniversaria della scomparsa di Mario Luzi, avvenuta quattordici anni fa) alla Sala conferenze della fiorentina Biblioteca delle Oblate  la cerimonia di premiazione del concorso “Firenze per Mario Luzi”. È stato, come ogni anno accade, un vero successo di partecipazione: una grande festa della cultura e dell’espressività! Tanti studenti di tutta la Toscana, accolti dall’appassionato saluto della Vicesindaca di Firenze  Cristina Giachi e dalla testimonianza sul padre di Gianni Luzi, pronti a certificare della necessità e della bellezza della poesia attraverso i versi che per questa occasione hanno immaginato e scritto: circa quattrocento testi inviati a concorrere che, considerata la loro qualità, hanno fortemente impegnato la giuria nel giudicare e nel selezionare. In realtà, classifiche a parte, tutti coloro che hanno partecipato a questa gara hanno vinto!

Continua la lettura di Un’altra festa della poesia. La premiazione, i risultati e i testi vincitori

28 febbraio 2019. La cerimonia di premiazione

Logo Firenze

Premio “Firenze per Mario Luzi”

 Ottava edizione 2019

Cerimonia di Premiazione

Giovedì 28 febbraio 2019 – ore 9.30

Sala Conferenze – Biblioteca delle Oblate
Via dell’Oriuolo, 24 – Firenze

Programma

Cristina Giachi
VIcesindaca e Assessora all’Educazione del Comune di Firenze 

Francesco Carrassi
Direttore del quotidiano “La Nazione”

Marco Marchi
Professore di Letteratura Italiana moderna e contemporanea,
Università degli Studi di Firenze

Proiezione del documentario
In Toscana. Un viaggio in versi con Mario Luzi

Intervento di Gianni Luzi, figlio del Poeta

Premiazione degli studenti vincitori e lettura dei testi premiati

Comune di Firenze – Assessorato all’Educazione
in collaborazione con “La Nazione” e Casa Editrice Le Lettere

Per informazioni
Ufficio Progetti Educativi – Tel. 055 2625695
e-mail: progetti educativi.istruzione@comune.fi.it

Luzi, Venturino e la “Commedia”

di Nicoletta Mainardi

La luce in che rideva il mio tesoro
ch’io trovai lì, si fe’ prima corusca,
quale a raggio di sole specchio d’oro;
Paradiso, XVII, 121-123

È noto come l’esempio di Dante e della Commedia abbia costituito un termine di riferimento costante e imprescindibile per il nuovo corso della poesia luziana del dopoguerra, sempre più responsabilmente implicata nella magmaticità dell’esistenza individuale e cosmica (vedi qui il post Luzi e Dante). La lezione di Dante riflette in Luzi un’immagine della poesia conforme alla sua ispirazione testimoniale e profetica: un’immagine “salutare”, desiderante e dinamica, che dall’hic et nunc della nostra transitoria e contraddittoria condizione umana risale al principio unitario e perenne della vita. Dante diventa progressivamente per Luzi un eterno contemporaneo con il quale confrontarsi nell’esercizio di una poesia che si vuole “pari alla vita”.

Continua la lettura di Luzi, Venturino e la “Commedia”

Il paesaggio dalla torre

Luzi al suo tavolo di lavoro a Pienza

di Duccio Mugnai

ATTENZIONE
Leggi “Dalla torre” in Testi!

L’esperienza esistenziale della terra senese, quale mondo della propria primitività domestica e dell’elettività ispirativa – si considerino sia la permanenza biografica del poeta a Siena per tre anni dell’infanzia, sia i tanto amati, tardi ristori estivi a Pienza , sia le origini familiari del poeta che riconducono tramite Samprugnano (oggi Semproniano) alla Maremma – emerge prepotentemente in questa lirica orgogliosa e appassionata di Mario Luzi.

Continua la lettura di Il paesaggio dalla torre

Una chiesa e una città

Il Duomo di Firenzedi Marco Marchi

ATTENZIONE
Leggi versi da “Opus florentinum” in Testi!

Quando Mario Luzi in occasione del Giubileo del 2000 ideò la scrittura scenica di Opus florentinum, il fine letterario gli si propose doppiamente celebrativo: celebrare una chiesa e celebrare una città. Obbiettivi del tutto visibilizzati, ma intimi, profondissimi. In versione drammaturgica – secondo cioè mirabili precedenti, da Ipazia a Rosales, da Felicità turbate a Ceneri e ardori la poesia di Luzi, facendosi «opus», avrebbe reso omaggio, prima di tutto, all’«opus» predicato dal titolo, e cioè alla costruzione e alle vicende di una grande cattedrale dedicata alla Madonna.

Continua la lettura di Una chiesa e una città

Torna il nostro premio! Ecco il bando 2019

Mario Luzi
Mario Luzi

1 dicembre 2018. Ecco il nuovo bando del “Premio Firenze per Mario Luzi” promosso dall’Assessorato all’Educazione del Comune di Firenze in collaborazione con il quotidiano “La Nazione” e la casa editrice Le Lettere

Il premio, giunto con il 2019 alla sua ottava edizione, è rivolto a tutti gli studenti della ToscanaIl bando e le schede di adesione qui sotto, consultabili e scarcabili con il copia e incolla da qui o dalla sezione Bando.

La Giuria del Premio «Firenze per Mario Luzi» 2018 è composta da Marco Marchi (presidente), Elisabetta Biondi della SdrisciaElena GoriNicoletta Mainardi, Gloria ManghettiMarco Menicacci e Giacomo Trinci.

La premiazione si svolgerà giovedì 28 febbraio 2019, data anniversaria della scomparsa di Mario Luzi, nella Sala conferenze della Biblioteca delle Oblate di Firenze.

Marco Marchi
Presidente del Premio «Firenze per Mario Luzi»

COMUNE DI FIRENZE
ASSESSORATO ALL’EDUCAZIONE
Continua la lettura di Torna il nostro premio! Ecco il bando 2019

Il fiume, la vita

Luzi Tarasco 2014di Elena Gori

ATTENZIONE
Leggi “Dopo la curva” in Testi!

I versi di Dopo la curva fanno parte della raccolta di Mario Luzi Sotto specie umana, edita da Garzanti nel 1999. Protagonista indiscusso di questa lirica è il fiume, uno dei temi-cardine dell’intera opera del poeta fiorentino; basti pensare ad un titolo semanticamente evocativo come La barca, riferibile alla fase giovanile, o ai tanti corsi d’acqua che solcano le pagine luziane lasciandovi un’impronta incancellabile. In questa vasta casistica, il fiume diviene – è il caso dell’Arno – il “muto testimone o il protagonista di vicende legate a un territorio” (Marchi), o – come il più esotico Tigri – lo spettatore impotente degli scenari di guerra e di violenza nei quali quotidianamente resistono Le donne di Bagdad (vedi a questo proposito l’articolo Immagini di guerra e di vita).

Continua la lettura di Il fiume, la vita